Home/Articoli/Customer Experience nella Cosmesi/La Fiducia dei consumatori cosmetici nel postCovid: 3 domande per misurare quanto riusciamo a rispondere ai nuovi scenari

La Fiducia dei consumatori cosmetici nel postCovid: 3 domande per misurare quanto riusciamo a rispondere ai nuovi scenari

2020-07-06T12:23:45+02:00Maggio 29th, 2020|Customer Experience nella Cosmesi|
  • Covid e Comportamenti di consumo

Come cambia la fiducia dei consumatori cosmetici quando per 70 giorni si è costretti a vivere chiusi nella propria abitazione? Come cambiano i comportamenti di consumo dei consumatori cosmetici quando porzioni importanti del viso sono coperte da una mascherina?

Ognuno di noi è consapevole di avere vissuto un cambiamento delle proprie abitudini radicale, totalitario destabilizzante. 

E tutto questo ha trasformato i comportamenti di consumo e fiducia dei consumatori (non solo) cosmetici durante la fase di Lockdown.

Alcuni dati sul periodo del Lockdown (fonte: Centro Studi Cosmetica Italia, pubblicati  da Il Sole24 Ore) rappresentano una fotografia emblematica di questo cambiamento nel settore Beauty & Cosmesi che avviene soprattutto:

  • Nel mass market con una contrazione di -40%
  • Nella profumeria con una contrazione/spostamento di -75%, ma nell’online grazie all’e-commerce è cresciuto di quasi +40%
  • Nella farmacia con contrazione di -25% dove si era fermata la vendita di dermocosmesi (niente solari e poca cura persona).
  • Il Settore Erboristeria si contrae di -75%

Ma se evitiamo di soffermarci solo sui segni + (positivo) e – (negativo) e guardiamo oltre le apparenze ci rendiamo conto che ci sono dei travasi dai meno ai più. Si evidenzia quindi un cambiamento delle abitudini di consumo, un passaggio dall’Abitudine A all’abitudine B.

Questi dati ci rivelano che i cambiamenti nella cosmesi:

  • Non sono fenomeni momentanei causati dalla limitazione delle libertà personali durante il lockdown
  • Ma sono fenomeni che impattano nei comportamenti a medio termine

Come cambiano i comportamenti di consumo cosmetico ai tempi del Covid-19

Perché la paura impatta sui comportamenti di acquisto. Il fenomeno del Marcatore Somatico

Per capire come queste modifiche nella fiducia dei consumatori e nei modelli di comportamento di consumo sono marcate nel profondo di ogni consumatore facciamo questo breve esperimento rispondendo alla domanda: cosa hai fatto il 26 gennaio 2019 alle 11:40?

Sicuramente non ti ricordi cosa hai fatto la mattina di quella data o anche il pomeriggio di 17 giorni fa, ma ti ricordi dove eri e cosa stavi facendo alle 14:30 (ora italiana) dell’11 settembre (2001).

Questo fenomeno è dato da un marcatore attivatore del pericolo che genera come risposta, comportamenti ed emozioni come la paura sia sulla mente, sia sul corpo in grado di:

  1. Attivare reazioni fisico/Emotive => Rabbia, Paura, Claustrofobia, Agorafobia => Istinto di Conservazione
  2. Determinare meccanismi mnemonici forti = Ricordo esattamente quel giorno/momento oppure Rimuovo (amnesia selettiva) scientemente quel giorno/momento
  3. Modificarei comportamenti a lungo termine

Questo è ciò che Antonio Damasio chiama Marcatore Somatico:

Nella ipotesi del cambiamento Somatico  si ipotizza che che processi emozionali acuti, guidino o modifichino radicalmente nel breve, MA ANCHE nel medio termine:

  • PERCEZIONI = la nostra amigdala prepara il corpo alla emergenza, dando stimoli chimici forti come nausea, labirintite, panico, che determinano la creazione di nuove percezioni anche la generazione di Fake News (Martin Lindstrom).
  • COMPORTAMENTI = Siamo più reattivi ad eventi che  vengono fissati nella memoria a lungo termine oppure rimossi dalla memoria a lungo termine (amnesia). Ecco perché ci ricordiamo cosa stavamo facendo l’11 settembre e non il 14 novembre dello stesso anno.
  • DECISIONI = Cambiamo le nostre abitudini future sulla base dell’evento scatenante. La nostra intelligenza emotiva ci rende molto reattivi ad esempi e contesti simili, addirittura a sensazioni.

Come cambiano i comportamenti di consumo e la fiducia dei consumatori cosmetici ai tempi del Coronavirus

Come rispondere alle mutate esigenze del consumatore cosmetico

Le Neuroscienze ci confermano che;

  • La fiducia dei consumatori subirà delle modificazioni: la Isolation Economy è una conseguenza del presente
  • I nuovi comportamenti di consumo determinano il dover disegnare nuove Customer Experience
  • I cambiamenti di consumo determinano il disegnare prodotti a geometrie flessibili

Innovazione e Digitale: 3 domande per misurare quanto riusciamo ad adattarci ai nuovi scenari

Dobbiamo quindi capire quanto la nostra organizzazione sia allineata sulla necessità di questi cambiamenti. Ecco 3 domande chiave che ti consentono di capire quanto rispondi ai nuovi scenari:

  • La mia impresa è in grado di comprendere cosa apprezzano i consumatori di un prodotto e quali vorrebbero vedere implementate?
  • Quanto i dipartimenti e funzioni della mia impresa sono in grado di individuare le nuove abitudini che possono essere inserite all’interno delle linee prodotto del nostro brand?
  • La mia impresa è in grado di organizzarsi al proprio interno per determinare le condizioni per fare rapidamente una evoluzione per adattarsi ai nuovi scenari?
All’Interno del Cosmetica Innovation Hub – La community dedicata all’Innovazione Digitale nella Cosmesi trattiamo di queste tematiche:
  • Customer Experience Design Model
  • Prodotti a geometrie flessibili
  • Vision & Customer Experience orientate all’innovazione
  • Allineamento Team Cosmetici sull’Innovazione

Iscriviti e Partecipa al Cosmetica Innovation Hub

Riferimenti Bibliografici